Roma capoccia

 
Cosa lasci a Roma, mi fu chiesto tempo fa…
Innanzitutto vorrei precisare che non "lascio" nulla, ma continuo ad avere e a portare con me qualcosa di speciale, da cui è infatti molto difficile allontanarsi, anche se per un po’.
Prendete la giornata di oggi, ad esempio. Svegliarsi nel tepore di casa tua, trovare in cucina frutta fresca e una torta fragrante.  Pranzare in terrazza sotto un timido sole con la tua famiglia.  Ok, nel pomeriggio si scatenano tuoni e fulmini  , ma passato il temporale i fiori profumano ancora di più. Prendere un the con una persona cara, cenare con tre simpatici amici, andare a sbevazzare con gli aficionados…
Cose semplici, ma che ti fanno tornare a casa con una sensazione di calore. Con la sicurezza che le persone importanti per te ti vogliono bene.
 
Sai che sono con te nei momenti felici, nelle piccole follie e quando prendi decisioni molto dolorose, ma necessarie.
E ci sono in tanti modi diversi, ma ognuno meraviglioso: c’è chi ti sa far sempre ridere, ma quando diventi ridicola sa dirti qualcosa di serio e saggio che ti consola. C’è chi ti strapazza, ma si preoccupa per te e ti trascina in improbabili serate con gli stranieri perchè sa che hai bisogno di uscire, per citarne soltanto una. C’è chi capisce come ti senti anche se non lo dici, e fa miracoli tipo recuperare in un pomeriggio una fetta di passato che credevi perduto. C’è chi trasforma un giorno drammatico in uno bellissimo, confidandoti di essere in dolce attesa di quella che si rivelerà una bambina stupenda. C’è chi ti fa divertire da matti regalandoti un busto di pietra e condivide racconti emozionanti, primavere al mare e l’amore per Roma. C’è chi ti chiama per correre o semplicemente passeggiare a Villa Ada, sapendo che da un certo albero in poi finirà la pace e sentirà una storia mooolto lunga. C’è chi parla poco ma sorride tanto e dice sempre la cosa giusta. C’è chi ti fa trovare le cotolette a pranzo da 22 anni, anche se arrivi all’improvviso, perchè sa che ti piacciono. Che si offre di aiutarti quando lavori troppo e ti accompagna ad appuntamenti imbarazzanti indossando giacche rosso fuoco e parlando del pil. C’è chi ride sguaiatamente con te al telefono, ma il giorno in cui scoppi a piangere perchè è scomparsa una catenina di cui conosce il significato non ride affatto, ma si precipita ad abbracciarti e gioisce con te quando la mattina dopo la ritrovi. C’è chi vedi poco, ma ti vuol bene da una vita e continua a capirti al volo. C’è chi ha una risposta per tutto, dal sapone alle analisi del sangue. C’è chi è una new entry ma è presente come un vecchio amico. C’è chi ti è stato accanto per anni e, anche se le vostre strade sembrano dividersi, continua a farlo nella maniera migliore che si possa immaginare. C’è chi incontri la prima volta senza farci troppo caso, ma in cui dopo trovi tutto quello che non sapevi neanche di cercare, e ti fa sembrare che il resto del mondo semplicemente non esista più.
 
Questo è quello che intendo quando dico che il mio cuore è qui.
 
Devo ammettere, però, che dove mi sono trasferita ora c’è chi ha reso assai meno duro il distacco, con un affetto e un calore senza pari. Non sarebbe stato lo stesso senza di voi.
 
Come avevo promesso, finalmente è arrivato il post dedicato a tutti voi…è chiaro, in poche righe non si esprime che una goccia di quel mare sterminato che siete, ma spero vi faccia piacere lo stesso.
 
Domani è un altro giorno, come dice Rossella O’Hara. Un giorno cazzaro, come dico io.
 
Bella

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Roma. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...