Laundry Service

 

Prendo in prestito il titolo di un album di Shakira, avendo in comune con lei il fisico mediterraneo e una certa avvenenza…non trovate?

Bene, dopo la sparata iniziale il ghiaccio è rotto e possiamo tuffarci in una nuova avventura di "Tacchi alti e tazze da tè" (sto provando i possibili titoli per il libro londinese).

Il weekend è andato benissimo: sabato mattina mi sono svegliata, senza rumori di caldaie, nella pace di Silvana’s Mansion (altrimenti detto Wimbledon Park), dove la giornata è cominciata very healty: colazione light e un’ora di acquagym in una piscina lussuosissima! Offrivano asciugamani, shampoo, shower gel e crema corpo, ovviamente dopo la sauna e il bagno turco (purtroppo l’idromassaggio era in manutenzione).

Dopo questo momento fitness (quanto mi mancava la mia piscina, che felicità sguazzare ancora!) abbiamo assunto una piega meno healty e decisamente più luxurious: focaccine al formaggio e cipolla calde, chicken and mushrooms pie (non mangiatela mai in metro), tramezzini al salmone e, soprattutto, shopping sfrenato!

Beh, l’intento era quello, visto che metà del mio risicato guardaroba era da lavare, ma in realtà sono stata assai parca, ormai sono una donna matura. Mi sono limitata ad urlazzare davanti alle vetrine di Liberty, che potete ammirare nelle foto (che ne pensate di quel terzetto lesbian? Io darei una menzione d’onore a quei copricapezzoli glitterati) e a comprare un fantastico rimmel azzurro cielo da B (never too busy to be beautiful), la sorella fashion di Lush. A Covent Garden ho visitato la mia Tea House, che non delude mai ed era piena di delizie (ho scelto tè alla cannella e alla mandorla, provati entrambi, very tasteful).

Passando per Chinatown ho scoperto che questo è l’anno del Topo, devono averlo saputo anche i topini di città, che hanno pensato bene di farsi qualche corsetta nell’underground. Attimi di puro terrore!!! E delle matte che li fotografavano pure!!! Ci mancava solo che qualcuno chiedesse loro consigli di cucina, sperando di essersi imbattuto in Remy di Ratatouille, e saremmo stati a posto.

A cena, nella mia magione, ho sperimentato la prima pasta integrale a Londra…non male! Ho trovato anche il modo di addolcire quello yogurt da donna che ho comprato, mescolandoci raspberries and blueberries (da vera hobbit grasso), rendendolo un dessert interessante…

Night time: houseparty nel flat di un movie producer! ‘Na vera palla, direi. Siamo passate a un club dove si ballava, in cui una ragazza con lo stesso cappello di Mamo trascinava tutti sulla pista, in modo tanto simpatico quanto perentorio.

La vera avventura è stata tornare a casa: i notturni ci sono, ma capire dove prenderli è una bella impresa, fra bus stops scambiate e lavori in corso… Ho aspettato talmente tanto, al freddo e al gelo, che il mio bus era davvero chiamato desiderio. Quel vento gelato mi faceva pensare, per rimanere sempre in tema di classici, che "a qualcuno piace caldo". Mi mancava molto il mio caloroso "ragazzino". In queste situazioni, e non solo, è un rifugio davvero piacevole…

Oggi, pur rincoglionita com’ero dal rientro alle 5, mi sono alzata di buon mattino e mi sono dedicata alla laundry, non avendo sostituito i miei capi di abbigliamento con altri nuovi. Seppur aiutata, il risultato è stato ottimo e mi sento molto fiera di me. La mia prima lavatrice!!! Ovviamente, forte di questa recente expertise domestica, ho proposto al mio ragazzino di mantenermi (io regina della casa, lui uomo d’affari), ma ho ricevuto in risposta un "mia furbina…" Voi che dite, è un sì?

Non solo io ho scoperto una nuova skill, nel pomeriggio ho ricevuto, a sorpresa, una chiamata su skype da mia madre! E’ riuscita a installarlo e chiamava a gran voce mio padre (che dormiva e quindi si è incazzato), urlando "vieniiiii, c’è Wanda nel computer!!!" Già che c’eravamo, ho completato la sua istruzione informatica facendole programmare il videoregistratore, seguendo le mie indicazioni a distanza (non posso certo perdere Desperate Housewives). Un successo, faticosamente conquistato.

E ora eccomi qui, semidraiata sul mio letto (sozzo, ora che so come si lava lo cambierò assolutamente), dopo una cena a base di salmone al pepe e riso speziato (ho toppato clamorosamente le dosi e ne è avanzata la metà), che vi scrivo… The show must go on!

Commentate, commentate, commentate, se non volete veder minata la vostra membership, sapete che The Owner è un po’ cattivo!

Ma, come tutte le donne, incoerentemente vi auguro la buonanotte…

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Londra. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Laundry Service

  1. laura ha detto:

    Ah, se continua a scrivere tutto quello che mangi posso fare il conto delle calorie e dirti se vanno bene oppoure no. Intanto io sto fallendo nella dieta, forse il mio profilo da hobbit grasso mi piace così tanto che non riesco a liberarmene!!!! Complimenti per la lavatrice, adesso con il tostapane sono ben 2 elettrodomestici che hai colonizzato a casa, potresti metterci la bandierina dell\’Italia. Scherzi a parte, non esagerare con gli onion rings! Bacioni

  2. Wanda ha detto:

    Birichino, Senior… Purtroppo anche la mia dieta, dopo un digiuno purificante iniziale, si è assestata su una scone al giorno (che chiama gli hobbit grassi intorno). Oggi l\’ho sostituita, con dolore, con della frutta. A cena, però, mi sono sparata la pasta, non ce la facevo più. Vivere da hobbit grassi, che felicità! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...