L’amore ai tempi di Babelfish

 
Il mio fidanzato è un tipo decisamente romantico. Mi regala fiori, mi prende in braccio e vorrebbe trombare in riva al mare (cosa che, "Cioè" docet, è il top del romanticismo). Mi manda anche deliziosi sms per ricordarmi quanto mi ama. Il problema è che ogni tanto Babelfish gli viene in aiuto per i termini a lui sconosciuti, con risultati, oserei dire, bizzarri.
 
Tempo fa, ad esempio, mi sono beccata un bel "topina lanuginosa".
 
Vi riassumo la conversazione via skype che ne è conseguita:
 
io: Amore, mi hai appena dato della topa pelosa. Cosa, esattamente, intendevi dirmi? (smile)
lui: Come, piccola, non è un complimento? Aspetta, cerco sinonimo…
 
…pennina che si muove…
 
lui: Ecco! "Lanugine" o anche "peluria". E’ meglio, ora? (bacetto)
io: …prova con "batuffolosa". (cuoricino)
 
varie emoticons
 
lui: Micina, cosa vuol dire "dato della topa pelosa"? (smile)
 
 
E non finisce qui. Ho scoperto che in Ucraina più una relazione si fa seria più l’animale a cui vieni paragonato è brutto. Il mio fidanzato ha iniziato chiamandomi "micina", poi "topina", per poi uscirsene con "ranetta", a suo parere il massimo dell’intimità. Ho concluso che quando diventerò "scarrafona" saremo a un passo dal matrimonio.
 
P.S.
Ultimamente mi chiama "pulcina". Mi devo preoccupare?
 
 
P.P.S.
Gli ho appena detto che l’ho sputtanato in mondovisione (sul blog). Questi i commenti (è un ragazzo dal notevole sense of humour e open minded, come potrete notare):
 

Poochie: hai letto?

Kotyk: leprina mia

:*:*

Poochie: oddio leprina che vuol dire?

mi ami ancora?

Kotyk: sei così spiritosa!

ti devo sentire per un attimo

sei troppo brava scrivere

 

A parte il fatto che mi chiamo Poochie, la cosa divertente è che, ovviamente, ho iniziato a scassargli i cocomeri chiedendogli se "leprina" fosse un soprannome molto intimo, segno di immenso amore. Io lo so, che dovrei farmi i cazzi miei. Non otterrei risposte tipo queste: "certo che è intimo: leprina è come una grande topa".

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

3 risposte a L’amore ai tempi di Babelfish

  1. laura ha detto:

     Blatta viscida e repellente, verme simpatico che spunta dalla castagna dopo che hai impiegato un quarto d\’ora a pulirla, pidocchietto amante delle stazioni ferroviarie poco frequentate (dall\’igiene) chiss quale dolce parola tsceglierebbe  Vova da sussurrarti mentre ti infila un anello al dito????? Forse non lo sapremo mai o forse lo scriveresti sul blog dopo 5 min!!!! Chi può dirlo, ma tanto si sa siamo tutti una grande famiglia, anzi io sono migliore amica!
    The senior 

  2. valerio ha detto:

    Una volta il mio barbiere disse che i miei capelli (quando ne avevo un numero maggiore di 3) erano di color "grigio topo".Che fosse russo e segretamente innamorato di me?

  3. Wanda ha detto:

     
    Il color grigio topo quest\’anno fa faville, altro che scherzi…
    Senior, quante illazioni!!! Scriverei sul blog dopo 30 secondi! 😀 Tu pensa, intanto, ad aiutarlo nella scelta dell\’anello, che sennò mi tira fuori un pataccone.
     
    Baci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...