Dalla Calabria con amore

 
Un breve post al sapore di peperoncino piccante, solo per dirvi che non sono io che vado dal porno ma è il porno che viene da me…
 
Ho trascorso una decina di giorni in terra calabra, dove, oltre a darmi ad intense sessioni di acquagym e sole, sono incappata nelle mie solite avventure scabrose. Mi amate anche per questo e io non vi priverò del racconto. Udite udite miei fedeli lettori:
 
1) La minaccia che viene dal mare
Una giovine e procace fanciulla si è appena immersa nel mare cristallino, pronta a sferrare micidiali calcioni alla boa per tonificarsi i glutei (g.a.g. non va in vacanza), quand’ecco che un vecchio, ma vecchio suonato, la punta e nuotando stile coccodrillo si avvicina. Cappelletto della Folgore, occhialazzi da sole e sorriso marpione, inizia a interrogarla su tutte le ramificazioni dell’albero genealogico, come si usa nel sud (il mio nome è Aragorn, figlio di Arathorn, nipote di Isindulf…). La giovinetta risponde paziente, "credevo fosse il solito famiglio rincoglionito, invece era un vecchio porco rincoglionito": il pederasta, dopo averla complimentata a dovere ("sai che sei meravigliosa? se non lo sai te lo dico io") e avere affossato l’autostima di lei ai minimi storici per questo, propone una nuotata al largo. La ragazza declina.
La madre, invece di consolarla, la deride al racconto di questa molestia, ricordando i tempi della propria giovinezza in cui veniva abbordata solo da fanciulli. "Se vede che so le stesse persone", commenta caustica la figlia in tutta la sua dignità offesa.
La nonna, ben più mondana, osserva, a proposito del vecchio, un "evidentemente da sua moglie non ottiene niente". La madre, figlia della nonna, fugge scandalizzata.
 
2) Souvenir mon amour
La Castella, angolo di paradiso più volte fotografato su questo blog, acque limpide e fondali variopinti. Ore ammollo o appollaiata stile sirenetta su uno scoglio a prendere il sole. Un magico negozio di souvenirs, dove una giovine e procace fanciulla, l’aitante e muscoloso cugino, un ragazzino petulante e la madre della ragazza fanno una puntata. Depistando la curiosità del ragazzino, il nerboruto cugino indica alla pulzella "degli oggettini davvero carini". Lei guarda e ammira: fischietti di forma fallica, inquietantemente rosati e ruvidi, con tanto di cartellino "se mi vuoi fischia/if you want me whistle". Commossa, la fanciulla pensa di prenderne uno per la sua amica Elena, famosa per la canzone "eeeh, il cazzo èèè" (di cui non vuole dichiarare il seguito), ma pensa che la sua amica Elena, nota anche per essere parecchio iraconda, se poco poco je gira male glielo tirerebbe dietro con improperi, piuttosto che farsi una crassa risata. E il "poco poco" è un rischio assai concreto, quindi niente souvenir per questa volta.
 
A Elena tutto il mio affetto, a voi un w la…w la…sincerità!*
 
*Chiedete a lei per delucidazioni sullo slogan
 
 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Viaggi. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Dalla Calabria con amore

  1. elena ha detto:

    certe volte mi capita di chiedermi…"chissà i miei cari amici cosa pensano veramente di me?"  spesso non so che rispondermi, sono abbastanza pessimista e quindi difficillmente immagino di essere considerata particolarmete ….che ne sò…simpatica, intelligente, espansiva….è confortante constatatare come l\’immagine che mi rimanda una vecchia amica sia di un persona iraconda e palesemente volgare.  Possono semplici battute definire la personalità di un individuo?Non sarà una lettura un pò superficiale?
    A quanto pare sì, si può…la verità è che forse sono così oppure solo nei week-end e festivi, ma vi prego voi che siete miei amici cercate di non ricodarmelo…..o almeno sottolineate anche altro….se lo conoscete.
     
     
     

  2. Wanda ha detto:

    Io sottolinerei anche che sei permalosa ;P
    Ma forse non me lo posso permettere, essendo la titolare delle famose 4P. Consolati pensando che, con questo carico, io sono stata insultata molto di più 😉
     
    P.S.
    Famo un bel paio di corna, a buon intenditor…

  3. elena ha detto:

    ma scusa e quando ci sei stata a le castella?
    io sono stata là dal 27 luglio al 9 agosto!!!…cioè non proprio là ma ci capitavo ogni tanto! (sono stata a capo rizzuto!)
    che fatti…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...