Travolta da un londinese destino?

 
La vita è una combinazione di magia e pasta, diceva il buon Federico Fellini. Ebbene, nella mia la pasta non manca mai e nemmeno la magia. A parte il fatto che sono una strega del tempo, ma non ho voglia di annoiarvi con questa storia, sto iniziando a credere che le mie cazzate abbiano il potere di avverarsi. Torno da Londra con un po’ di nostalgia, mi dico e prometto a tutti che prima o poi quella città mi rivedrà, ed ecco sbucare un’occasione imperdibile proprio lì. Niente è ancora certo, come si suol dire non vendiamoci la pelle dell’orso prima di averlo preso, ma io, fedele alla mia tradizione, sto già facendo casino.
 
Vorrei vivere a Londra di nuovo, mi manca, è un posto fantastico dove si respirano giovinezza, libertà, stimoli, luccichio, lavoro…ma io sono una sciocca sentimentale e non sono pronta. Forse non lo sono mai, l’importante è partire senza troppi pensieri, però avevo appena accarezzato l’idea di essere a Roma, avevo lottato per Roma agguantando un lavoretto incerto, volevo stare ancora con voi e invece… Credo di non potermi permettere un rifiuto, se tutto andrà bene la mia valigia rossa sarà nuovamente piena e spiccherò un altro volo, ma mi si spezza il cuore, tanto per cambiare. Io sarei tornata lì a Natale, probabilmente, perchè ora? Perchè in questa città stupenda, il mio unico grande amore, Roma non ci sono occasioni che mi trattengano e mi possano concedere il lusso della scelta? Perchè non posso decidere quando e se andarmene? Non è con l’infelicità che partirò, in caso, accetterò questo come un dono e vivrò quanto di bello la nuova avventura potrà offrirmi, ma la realtà è che mi sento una pallina in un flipper, travolta dal destino e costretta a correre più di quanto vorrei. So che sono meno scema di come dichiaro, ho rifiutato Milano, ho lasciato Londra quando era il caso e sono in grado di prendere decisioni epocali con sorprendente rapidità, quindi dovrei sentirmi padrona del mio destino (come il film che ha segnato la mia adolescenza e i miei sogni libertini), ma sono anche una gran cagasotto.
 
E poi, c’è da dire che il mio tallone d’Achille sono sempre le storie d’amore. Dovrei ritenermi una pallina da flipper fortunatissima, perchè nonostante i miei colpi di testa, i miei cambi di stato per sfuggire o inseguire le mie passioni, non sono ancora disoccupata. In un’epoca come la nostra, una persona sconsiderata come me che trova lavoro è davvero uno scandalo. Dovrei star zitta e ringraziare.
 
Vi farò sapere le novità. Nel frattempo ringrazio. Ma continuo a farmi anche battere il cuore, perchè se non mi innamoro almeno un po’ non sono contenta.
Alla faccia di ballo ballo senza respiro e della Carrà (http://www.xs4all.nl/~asware/canzoni/lyrics/balloballo.htm)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Viaggi. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...