La carica dei 101

Casualmente, e lo dico davvero, mi sono imbattuta in uno spaventoso libricino tutto rosa che consiglia ben 101 modi per dimenticare un ex. Con fare guardingo e nascondendo sotto il piumino la mia coda di paglia, ho dato una sbirciatina e ho letto qualcosa di sensato e, prevedibilmente, anche suggerimenti che ho trovato terrificanti. Soddisfo la vostra morbosa curiosità con alcuni esempi:
–          bueno: lavorare, darsi alla dieta e allo sport, abolire qualsiasi contatto ciat, faccialibro, scaip (tutto prontamente fatto, sono disperata ma mica scema)
–          no bueno: fare un viaggio in India, dare una festa di ritorno alla singletudine (mi suona molto “tu vuò fa l’americano” e semo romani qua, abbèlli)
Poi c’è roba generica tipo “concentrati sulla persona più importante: tu”, “fai quello che ti fa stare bene”, che può essere pericolosissima nella sua vaghezza, come nel caso di “gli rigo la macchina e ciò mi fa stare bene”.
Non provateci neanche: Babe non ha la macchina e io non sono il tipo. Uhm, potrei sempre imbrattare quella di uecchio, il di lui taccagno padre, ma ci hanno già pensato dei ragazzini ad Halloween quando lui si è rifiutato di elargire dolcetti. Giustizia divina, o vetusto spilorcio!
Parlando del pio uomo, mi viene in mente che a tempo debito dovrò assolutamente dedicargli un post, consorte inclusa, perché le gesta dei miei quasi suoceri non rimangano sconosciute ai posteri.
Per ora ne traggo un utile consiglio, stilando una mia personalissima lista dei 101: “quando ti molli con uno, pensa che non devi più sciropparti i suoi”. Il corollario vien spontaneo: “i tuoi figli potranno avere dei nonni fantastici e generosi!”. Ad esempio, Queen Elisabeth.*
Poi ho deciso un’altra cosa, una piccola follia da femmina svitata tanto per chiudere questo pezzo in pieno spirito chick-lit: con i dineri che Babe mi deve, comprerò un paio di Louboutin. Per i pochi profani o maschi eterosessuali che leggono: trattansi di scarpe con la suola rossa, spizzatevi il sito se volete proprio sapere di quanto sia in debito il disgraziato (del resto vi ho già dato dei morbosi). Come dice Hugh Grant, “se devi viaggiare da sola, viaggia con stile”. E questo stiloso stiletto potrebbe tornare molto utile come arma contundente, dovesse il malcapitato bussare alla mia porta. Decisamente l’alta moda è un ottimo investimento.
*Come vi dicevo nel post precedente, ricordiamoci che Prince Henry è tornato single. Si sarà pure vestito da nazista, ma ora fa beneficienza quindi è chiaramente redento e pronto per me.
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Ammore, Salute e Benessere. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...