Conto alla rovescia

Come posso non rendervi partecipi di una delle ultime perle di Yahoo? A quanto pare, per trovare l’uomo giusto, bisogna cuccarsene prima 5 sbagliati. Per vere professioniste dell’ammore come me (e lo intendo in senso romantico, non pensate subito a quello dai) il numero degli stronzi poi si e’ moltiplicato, per cui mi aspetto come minimo un principe ora. Harry va benissimo, basta che non indossi quella divisa da nazi per carita’. Io, dal mio canto, ho tonificato i glutei cosi’ da non aver nulla da invidiare alla Pippa nazionale. Che, tra l’altro, e’ stata superata da un’adorabile nonnina nella gara per il miglior fisichetto. Piergiorgio e fedeli fan della pagina faccialibro in onore del culo di Philippa, siete out: qui Yahoo spiega chi sia il nuovo “The Body” (dovro’ forse cambiare dieta?) e mi fa finalmente accettare l’idea che, un giorno, potrei attemparmi elegantemente anche io come un vino d’annata. Ma non pensiamoci adesso e occupiamoci di come trovare Mr Right:

 

I magnifici 5

1 – Il primo amore
È la classica storia nella quale ci si può tranquillamente permettere di sbagliare, perché arriva da giovani, se non giovanissimi. Questo rapporto, nella maggior parte dei casi, è destinato alla rottura, proprio perché è concepito come una fase di crescita, mentre, più raramente, arriva fino al matrimonio. – Questo rapporto, a parte per persone come L.P., porta invero alla rottura. Di balle. Descritto ampiamente qui.

2 – Chiodo scaccia chiodo
La seconda relazione seria, di solito, è la tipica infatuazione ‘scaccia chiodo’, quella che nasce complicata fin dall’inizio perché va a sostituirsi quasi subito al primo amore. Se questo è il caso è necessario scoprire le carte con il nuovo partner e scegliere, magari, di vivere un rapporto più “libero”, privo delle ansie di una storia troppo concentrata su se stessa. Via libera al romanticismo e all’intima conoscenza dell’altro. – La cosa nasce complicata si’: essendomi rotta le palle del primo ammore, ed avendo incontrato uno stronzo subito dopo, ho usato il primo ammore come chiodo scaccia chiodo. I due loschi figuri sono sempre quelli di cui sopra.

3 – L’attrazione fatale
La terza relazione seria è quella che capita il più delle volte quando si è tornate single e contente. È una relazione più coinvolgente della seconda, quella per la quale ci si ritrova a dare tutto, spesso anche ad innamorarsi seriamente, mentre magari il partner non lo è ugualmente. La sessualità, in questa fase, è importantissima e custodita gelosamente, come arma d’indipendenza e di acquisita maturità. – Direi che il perfido roscio (dopo due volte che vi ci linko, dovreste averne letto ormai) e Babe ricadono in questa adorabile categoria: partners che “magari” non amano ugualmente. Poi succede che uno invecchi malissimo, somigliando a Pippo Franco, e un altro ti rubi i soldi e allora non li ami piu’ nemmeno tu e tanti saluti.

4 – L’innamorato
È la fase più complicata o, forse, più sbagliata. In genere, chiuso con la storia precedente, si cade nella disperazione più totale e non ci si rassegna tanto facilmente a vivere la propria realtà di single. Un momento particolare in cui ci si concede al primo uomo interessato passando sopra ad ogni differenza. È inutile fingere, molto spesso questa storia è destinata alla rottura perché lui ti ricoprirà di attenzioni e tu ti stancherai in fretta. – Complicata affatto: si fa prestissimo a gettarsi tra le braccia del primo venuto. Basta chiudere gli occhi e fingere di non vedere che e’ un racchio o un noiosone. Il problema e’ che poi arriva uno stronzo a far luce e adios. Qui ci sarebbe da raccontare, ma temo ritorsioni e dunque dovro’ trovare un modo opportuno, che per ora e’ l’omerta’. Piergiorgio comunque qualche indizio l’ha dato qui. Inoltre, 100 punti maturita’ per me: evitando Provolon non sono caduta ancora una volta in questo orrido cliche’ e ho risparmiato tanto fiato per blaterare su altre stupidaggini, piuttosto che impiegarlo con i vari “non sei tu, sono io”, “ti meriti di meglio che una stronza confusa come me”, “devo lavarmi i capelli”.

5 – L’uomo maturo
Affascinante, sicuro di sé e intrigante. L’uomo maturo affascina soprattutto perché in lui si riversano troppe speranze. In questo caso si dà per scontato che ‘lui’ sia abbastanza cresciuto per capire ogni piccolo pensiero o desiderio. Ma il più delle volte l’età non è sinonimo di maturità. Fossi matta: i vecchi pigliateveli voi!

 

L’uomo perfetto
Il percorso sentimentale attraversato negli anni ci porta necessariamente all’obiettivo: l’uomo perfetto. Attenzione però, è importante arrivare a questo punto consapevolmente: il “principe azzurro” non esiste davvero ma il nostro uomo sarà tanto più perfetto quanto reale. Il nuovo rapporto di coppia non sarà sempre idilliaco ma sarà tanto più forte quanto lo è il frutto di un amore arricchito dalle precedenti esperienze, felici o meno. – Ecco. Illuminata da questa saggia conclusione e sprizzante serena maturita’ da tutti i pori (non dilatati, ho una pelle di pesca io), mi sono fiondata su un sito di tarocchi online. Sono uscite “il matto” (Babe), “la morte” (non c’e’ bisogno che spieghi), “il mago” (il bonazzo risolutore). Sento che ci siamo quasi. Soprattutto, che chi mi si piglia non parlera’ un’acca di italiano e non sapra’ mai quanto sono svitata…

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Deliri, I miei ex, Intrattenimento. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...