Non m’importa du passato

W la libertà. L’annuncio del giorno è che ho dimenticato di colpo tutti i miei ex. O meglio, me li ricordo eccome questi campioni ma non me ne importa più niente.

A cominciare da nonno. Finalmente mi sono cadute le ultime fette di prosciutto dagli occhi e lo vedo per quello che è: un ragazzotto a tratti anche simpatico, ma lungi da me in quanto bigotto, prepotentello e, diciamolo, un tantino vistoso nell’abbigliarsi. Non so se vi ho mai raccontato della sua passione per il gessato doppio. Forse sì. Comunque, la prova del nove è stata dare uno sguardo al suo profilo su faccialibro, che con una punta di vergogna ammetto di aver evitato come la peste ultimamente, e rimanere indifferente di fronte alle sue fotine con la fidanzata Suor Morte.

Non di fronte alle sue camicie però. Ma credo di avervi già detto qualcosa su questo argomento.

Forte di questa rinnovata lucidità, ho continuato a sollazzarmi su internèt (come lo pronuncia Father) usando i social networks allo scopo per cui sono stati progettati, oltre che per spararmi la posa: farmi i cazzi di tutti i miei ex.

 Ho spizzato Trombamico, trovando una simpaticissima foto in cui sleccazza una scultura che chiama “la vagina gigante”.

Un’attrazione di Budapest, a quanto pare. Un uomo, un genio.

Ho incluso il Brutto come contatto su Linchedìn, ora che sono Manager, e ho commentato la sua foto profilo così: “pari un serial killer”. La pronta replica: “sul lavoro tocca esserlo”. Gli inglesi a sto punto metterebbero indice e pollice sulla fronte per mimare una grossa L.

Looser, per chi non mastica l’idioma.

Il perfido Roscio l’ho saltato, che tanto sulla sua pagina non c’è mai niente. Salvo le donnine discinte che gli scrivono tanti cuoricini e tttttvvvvbbbbb.

Ve l’ho detto che il prossimo weekend vado a Budapest? Così, per inciso.

Insomma mi sono finalmente divertita tantissimo a scorrere le immagini del mio passato, invece che a intristirmici su. E, ça va sans dire, ora che questi ometti mi stanno indifferenti loro lo fiutano e si ripropongono come i peperoni. A cominciare da nonno, che è improvvisamente gentilissimo, sfodera la sua arma di seduzione più potente (le barzellette, non pensate subito ad altro) e chiede alla nostra capa se io mi stia vedendo con qualcuno. Seguito da Trombamico, che si vanta del suo weekend in giro per divani di amici per poi ammutolire al mio “mah, venerdì e sabato ho dormito a casa mia, domenica no però. E le ore in cui ho effettivamente dormito sono state 3”. E poi ci sono altri ammiratori di cui non mi pavoneggio, perché molto modesta.

E se per caso vi steste chiedendo qualcosa, ebbene la mia nuova policy aziendale è la segretezza. Oltre allo stile manageriale delegativo, ma di quello ne abbiamo già parlato. Vi dirò solo che, circostanze a parte, ho deciso che mi sono rotta i coglioni di prendere mazzate e che voglio stare allegra. Non esaltata e nemmeno paranoica. Via i maglioni, fuori gli ormoni. E, ora che ho citato il mio antico motto estivo, non posso che concludere il post con quello del momento (applicabile a tutto l’anno):

Incrociamo le dita, ma non le gambe.

Lorenzo il Magnifico sarebbe fiero di me. Per chiarire, non sto parlando del mio Pupillo (su cui è in preparazione un altro post), ma dell’autore di questa:

“Quant’è bella giovinezza,

Che si fugge tuttavia!

Chi vuol esser lieto, sia:

Del doman non v’è certezza.”

Inutile precisare che la mia, di giovinezza, non si fuggirà mai.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Ammore, Deliri, I miei ex, Londra, Pavoneggiarsi, Viaggi. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Non m’importa du passato

  1. Rino Gattuso, per qualcuno Orlando Bloom, per altri Federer, ma il top è Johnny Pepp! ha detto:

    “You have to admit, it’s getting better, a little better all the time”.

    Sicura che non è farina del sacco del tuo Pupillo eh? Perché sicuramente avrebbe i mezzi per elaborare un tale componimento poetico!

    Bisogna comunque dire che da questo post traspare FELICITA’!!!

    (‘mmazza se traspare…tutti i dì, lì, giù, in fondo, vicino al cesto delle banane!)

  2. Rino Gattuso, per qualcuno Orlando Bloom, per altri Federer, ma il top è Johnny Pepp! ha detto:

    Vanno vanno!

    Oggi ho avuto novità sui Promessi Sposi

    (solo la versione di Lucia però!)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...