E’ il cappotto che viene da me

Avrei voluto intitolare il post “Se io non vado dal cappotto, è il cappotto che viene da me”, ma siamo onesti: quando mai io non vado dal cappotto? Ho usato solo la seconda parte allora, per decenza.

Ci tengo ad aggiornarvi sull’emozionantissima Epopea dei Cappotti: ieri sbuca Dino, il nostro capo supremo, fremente di parlare con Pupillo. Pupillo è a Roma però, dedito ai saldi invernali, e dunque subentro io da brava mamma. Cosa mi chiede Dino? Di aiutarlo facendo delle ricerche sul mercato italiano per un cliente che la nostra agenzia mira ad accaparrarsi.

Avete capito: si tratta proprio di Burberry. Subito io mi infilo Colin (peccato che non sia primavera, sennò avrei sfoggiato il trench) e mi lancio ad investigare, mentre Sciaron e Nonno alzano gli occhi al cielo e dicono: “Ce la siamo persa”. Ho passato l’intera giornata a guardare cappotti, borse, scarpe, vestiti, mutande e modelli ricchioni. Una giornata bellissima.

La sera, come se il destino non ci si fosse già messo abbastanza, mi vedo con Fritz. Gli racconto tutto e lui è molto contento, mi dà anche delle dritte di marketing per farmi fare ancora più bella figura con Dino come esperta mondiale di cappotti. Mi dice anche che, dovessimo vincere noi, l’agenzia pubblicitaria si beccherebbe il 30% di sconto. Io rispondo subito che mi fa piacere, ma che non provasse a rimangiarsi le sue promesse, che cca nisciun è fess. Lui fa il duro, ma ribadisce la data esatta, dichiarandosi oppresso dal senso di colpa per essersi sentito chiamare “cazzaro doc”.

Ora, vorrei notare che gli ho dato appellativi peggiori in passato. Ad esempio “mostruoso egoista”. O “cuor di pietra”. Oppure “vanesio vanaglorioso”. E lui adesso si ravvede per un “cazzaro doc”? E’ un mistero, la cui chiave a mio parere risiede nell’effetto Cucador. E il mio parere, in fatto di misteri da investigare, non può che essere giusto: in fondo possiedo un trench Burberry.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Londra, Sir Colin. Contrassegna il permalink.

2 risposte a E’ il cappotto che viene da me

  1. Rino Gattuso, per qualcuno Orlando Bloom, per altri Federer, ma il top è Johnny Pepp! ha detto:

    Pòro pupillo… ha perso la sua grande occasione. Ma se tutto va come deve andare, gli chiederò gli sconti del 30%.

    “Il suo rimpianto per un cappotto”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...