In principio non erano le mutande

Cari amici maschi, come state? So che attendete con ansia l’ultimo post della serie “Come Arrivare Sicuramente al Sesso Sicuro”, in realtà il primo step: come ottenere un appuntamento galante.

Vi ho fatti attendere fin troppo, essendo una mala femmina, ma non sia mai che non mantenga una promessa, anche perché più appuntamenti = più motoscafi, dunque l’interesse è mio oltre che vostro.

Andando a ritroso, abbiamo visto come praticare il motoscafo perfetto (in anteprima vi dico che questo tema, a grande richiesta come sempre, sarà aggiornato prossimamente), come comportarsi durante l’appuntamento in modo da arrivare al momento motoscafo, e giustamente mi si chiede: come faccio a uscire con una donna?

Amici uomini, voi siete cacciatori per cui saprete meglio di me che si parte da un punto fondamentale: la location. Per evitare di dilungarmi eccessivamente, sempre come cortesia verso il maschio-pensiero, vi propongo i due principali terreni di caccia: online vs offline.

Online: si sì la vita reale, i veri maschi non fanno queste cose, mi ha iscritto mia sorella…non diciamo cazzate. Le app da rimorchio esistono, proliferano e ci state tutti. All’estero è perfettamente normale conoscere persone in questo modo, qui in Italia siete ancora antichi e vi sento dire assurdità come “chi sta lì vuole solo scopare”, “ci sono solo le escort/i trans”, “odio chattare, meglio guardarsi negli occhi”, ecc. La realtà è che bla bla la società liquida, i ritmi lavorativi, la gente sempre china sul telefonino ma le app sono un modo efficiente e comodo per entrare in contatto con persone che altrimenti non incroceresti mai. Dunque impariamo ad usarle al meglio. Innanzitutto LA FOTO: la prima è quella che conta, le altre devono essere altrettanto carine però e molto fedeli alla realtà. Nessuna vuole la Tinder Sorpresa. Niente nudi, slippini, pettorali a vista (specie se flaccidi), animali esotici, collassi da birre e gesti osceni. Bastano alcune immagini fondamentali che mostrano: voi da soli che sorridete, voi con amici (evitate le donne, su su), voi che fate sport o, se non siete atletici, che vi dedicate ad un hobby artistico, viaggiate o interagite con animali (non esotici, vedi sopra). La descrizione può impreziosire un profilo ma anche essere un’arma a doppio taglio facendo perdere molti punti: anche qui la regola è sobrietà, niente errori di grammatica o di ortografia, niente citazioni troppo profonde, niente astio, niente cazzate insomma. Se proprio non vi viene in mente nulla di simpatico e accattivante, meglio non scrivere proprio. Una volta che siete entrati in contatto con la fanciulla di turno, basta un semplice: piacere, come stai? Se volete strafare, un garbato complimento o un commento sagace su una delle sue foto o interessi. Fine. Ogni femmina avrà un numero infinitamente alto di provoloni che la stanno broccolando, ormai questo lo sapete, per cui pazientate e mettetevi l’anima in pace anche se non dovesse rispondere, consideratela persa (e un po’ cafona) e via. Se invece dialogasse, cogliete la palla al balzo e conversate elegantemente, in modo leggero seguendo il contesto del momento, cercate di metterla a suo agio, di farla ridere, notate particolari, chiedetele di lei e raccontate massimo un paio di cose su di voi, dopo di che proponete un incontro. Fuori, non a casa vostra o sua. Il top, secondo me, è la cena ma se siete degli aridi oppure lo è lei puntate sul drink e partite da lì. Assolutamente vietato riproporsi come i peperoni: se non vi parla c’è un motivo, repetita non juvant. 

Offline: qui le cose, che ve lo dico a fare, si fanno più complicate. Sì, veri uomini, ecco la sfida degna di voi! Il principio è che, a meno che non siate ad uno speed date o a un incontro combinato, vi trovate nello stesso luogo con una donna ma non è detto che lei vi abbia scelti. Sapete meglio di me, di nuovo, che persino quando una donna esprime il suo gradimento nei vostri confronti non è detto che poi ci stia, per cui immaginatevi le chances delle conoscenze non virtuali: pochissime. Detto questo, dati gli innumerevoli pregiudizi sentimental-sessuali nei confronti delle app, la “vita reale” gode del vantaggio di essere percepita come “più romantica, più affidabile, più spontanea” specialmente dalle femmine per cui, se ne abbordate una così, avete più garanzie di quagliare. Taccio sull’infondatezza dei pregiudizi verso le povere app, sempre per essere carina e concisa. Arriviamo al dunque: avvistate una pulzella di vostro gradimento, che fare? Al contrario delle app, eviterei di partire con un complimento, a meno che non siate Gionni Deppe e lo sappiate pronunciare in modo deciso, guardando dritto negli occhi la destinataria. Molto più sicuro attaccare bottone con una scusa qualsiasi e poi, cogliendo i segnali non verbali (banalmente, se vi guarda, sorride e non se ne va), valutare se conversare per un po’ e, alla fine, chiedere il numero. Si può anche usare la variante soft del proporre un evento di interesse comune o il “ho due biglietti per…”, funziona bene durante un ritrovo di gruppo. L’importante è risultare educati, cordiali e poco arrapati. Tanto la femmina penserà comunque che ci volete provare e, se le chiedete di uscire, avrà la prova del vostro interesse senza bisogno che le guardiate le tette. Anche se siete timidi va bene, anzi verrà apprezzato il vostro coraggio e qualsiasi donna normale si sentirà lusingata. Un consiglio finale: mentine. La fiatella spezza ogni idillio.

Siamo giunti alla conclusione di questo post. Ora che sapete tutto e non avete più scuse per non essere immensamente fascinosi, permettete che mi congedi con un ultimo suggerimento: divertitevi. Non si sa cosa succederà dopo, l’amore eterno è una cosa rarissima ma gli inizi, sia di una scopata che della storia della vita sono la cosa più bella per cui fatevela prendere bene.

E motoscafate, come se non ci fosse un domani.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Cibo e bevande, Giochi, Intrattenimento, Salute e Benessere. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...